Lights on (Street video Salerno)

Video realizzato da Simona Genovese, Gabriella De Crescenzo e Maurizio Venturiero.

Sinossi: Un viaggio notturno nella Salerno contemporanea tra architettura, street art e storia, in cui la luce è il fulcro essenziale.

Annunci

FEBO ELIOS – E’ ladro chi ruba e chi gli tiene il sacco

Regia di Massimo Testa
Fotografia e montaggio di Maurizio Venturiero
Produzione La mela di Odessa e EdonèFilms

 

L’irrefrenabile voglia di fare video sulla neve colpisce ancora….

Sinossi:

Video sulla nevicata a Mercogliano 26/02/2018

Music Forward – Francesco Renna

Per la seconda puntata di Music Forward abbiamo intervistato il cantautore di Avellino Francesco Renna.

Francesco Renna, classe ’87, già due album all’attivo che sono finiti negli scaffali di alcune radio in America e Australia, dal 2011 ha iniziato il suo percorso artistico solista pubblicando Appunti dal blu, album autoprodotto e registrato negli studi Sound Design di Marco Ruggiero a Monteforte Irpino. Del 2013 il secondo album dal titolo Guidami Eshu – Live at Sound Design, da cui prende il nome il nuovo singolo del 2016 prodotto negli studi Monochrome Records da Luigi Nobile a Eboli.
Il nuovo album del cantautore irpino è atteso per il 2017 e verrà prodotto dall’etichetta TRB Rec.

Music Forward – Puntata 2
Produzione video EdonèFilms
Autore, Riprese, montaggio: Maurizio Venturiero
Grafica e animazione: Gabriella De Crescenzo
https://edonefilms.com/

Contatti di Francesco Renna
Canale youtube: https://www.youtube.com/user/francesc…
sito: www.francescorenna.it

Biografia

Francesco Renna was born in Avellino, a small town near Naples in the South of Italy, on January 5, 1987, and began playing guitar and harmonica at age 14, when he fell in love with his uncle’s Edoardo Bennato records. He started forming rock blues bands in high school, playing the repertoire of Eric Clapton and his own compositions.
In 2005 he moved to Bologna to attend Communication Studies at University. During his time there, Renna got totally involved with Acoustic Blues music, which was a significant change for his style. He picked up the fingerstyle technique from Bob Dylan and Piedmont guitarists like John Jackson. During his spare time, he played the clubs and street corners of Campania and Emilia Romagna.

After a short period in Perugia in 2010, Renna came back to his hometown, where he started a good live activity and produced his first solo album Appunti dal blu. The CD came out in September 2011, getting a good response from Italian and international radio stations and some local media attention.
The deluxe version of Appunti dal blu contains 11 tracks plus 3 bonus live recorded tracks with the band Nuits d’Octobre.

Renna followed it up with Guidami Eshu – Live at Sound Design in July 2013, a record that began to focus his style towards songwriting. The album was broadcasted in some radio stations of Italy, America and Australia.
In late 2013 Renna moved to Australia for one year, where he started playing a few shows in some clubs and street corners of Perth and Fremantle. There he duet with Mike de Velta, a fabulous Australian songwriter, and recorded some guitar tracks for Alfredo Malabello’s album Reflections.

New Renna’s single, a rearrangement of the previous album’s title track Guidami Eshu, was released January 2016, three years after his last publication. The artistic production of the song was entrusted to Luigi Nobile of Monochrome Records. The choice of this song was dictated by the need to create a music video with an intense and meaningful story, intended to represent Renna’s musical journey.
The digital release includes three tracks, one of which is an improvisation on piano played by Luis Di Gennaro.

EXTRA: EdonèFilms presenta… Respiro di Noia (2015)

GENERE: Documentario

Regia: Maurizio Venturiero
Ripresa e Mixaggio audio: Gaetano Sarno
Grafica Video: Gabriella De Crescenzo
Montaggio: Maurizio Venturiero

Guernica:
Tony D’Alessio: Voce e cori
Goffredo De Prisco: Chitarra e tastiera
Diego Iannaccone: Basso
Enzo Scorzeto: Batteria
Massimo Testa: Chitarra

Con la partecipazione speciale di Giuseppe Pavarese (attore e autore di Scatole e Il Dissacrario)

Un ringraziamento speciale per la disponibilità al Teatro 99 Posti

Durata: 16:12

Sinossi:
Dedicato a tutti quelli che combattono per la propria arte e per la propria città.

Il racconto delle difficoltà di un gruppo musicale nella propria città natale ma, allo stesso tempo la testardaggine nel continuare a portare avanti il proprio progetto in tempo di crisi sono racchiusi in questo corto-documentario. La band Guernica, da anni impegnata nella propria autoproduzione musicale, si racconta e racconta i limiti della propria città, Avellino.

 

I Protagonisti:
Nel 2002, a pochi mesi dalla fondazione della definitiva line-up, la band esordisce con Senza Censure, EP in grado di stupire la critica per l’originalità e la capacità di miscelare stili diversi come il grunge, il rock italiano e il progressive.

Un anno dopo i Guernica sono di nuovo in studio, questa volta in versione acustica, per dar vita a Senza Sudare, un lavoro dalle sonorità completamente diverse dal precedente, ma che riscuote comunque ampi consensi. Liriche, arrangiamenti e art work entusiasmano la critica italiana ed estera.

La parentesi acustica apre il passo alla sperimentazione teatrale: i Guernica musicano e mettono in scena “Scatole” (monologo sulla condizione esistenziale dell’uomo moderno), un testo originale di Giuseppe Pavarese, autore irpino ed unico attore in scena. In seguito con lo stesso Pavarese bissano l’esperienza portando in scena “Il dissacrario”, uno spettacolo dai toni più ironici e pungenti.

Siamo al 2005 ed ecco il terzo lavoro, Guernica, che rappresenta per i musicisti campani la sintesi di un percorso iniziato appena tre anni prima. Definito “…un disco da incorniciare, (…): metterà d’accordo metallari, seguaci del jazz, del progressive, del pop all’italiana ed i più allucinati reduci degli anni ’70. Ogni traccia è un microcosmo di sensazioni, e come tale, ha un proprio carattere ed una propria identità…” (Musicalnews.com, 15/04/2009), Guernica ottiene unanimi consensi e riconoscimenti.

Nel 2006 il brano Mai rimane nella top ten di Radio Match 5, emittente radiofonica lombarda per circa un anno, grazie alle preferenze espresse dagli ascoltatori.

Nel 2007 i Guernica girano il loro primo videoclip: Les Yeux, (Guernica 2005), interamente realizzato con un telefonino da Antonio Pace.

Nel dicembre del 2008 Guernica ottiene il primo premio al concorso indetto dalla Nott Records di Bologna, etichetta con la quale il gruppo firma due contratti rivolti alla promozione e distribuzione digitale del disco in tutto il mondo.

Nel maggio del 2009 il gruppo si esibisce in versione acustica con artisti del calibro di Avion Travel e Teresa De Sio, sul prestigioso palco del Teatro Gesualdo di Avellino.

Nello stesso anno i brani Picasso e Adrenocromo, entrambi appartenenti all’ultimo lavoro, vengono selezionati e mandati in onda su Radio Rai, durante la trasmissione Demo, condotta da Michael Pergolani e Renato Marengo e, grazie alle preferenze degli ascoltatori, il primo dei due ottiene il secondo posto sul sito di demo rai nell’ultima edizione del 2009.

Sempre nel 2009 i Guernica partecipano con la loro musica alla colonna sonora del film “L’amara vita” del regista pugliese Alessandro Zizzo.

Il gruppo ha da poco ultimato la pre-produzione di 22 nuovi brani, ed è pronto per l’uscita di un doppio album.

E’, inoltre, in fase di produzione un documentario interamente dedicato ai Guernica, realizzato dalla casa di produzione “Edonè film” con la regia di Maurizio Venturiero, tra l’altro autore dei videoclip “Respiro di noia”, “Venus”, “Di raffinata inconsistenza”, “Icaro”, “Eden”, “Insostituibile” e “Agrado”.

(Potete vederli, insieme ad altri vidoe, su questo sito in questa pagina https://edonefilms.com/videoclip/)

Il frontman del gruppo, Tony D’Alessio, ha appena raggiunto l’ambizioso traguardo del secondo posto a X-Factor 7 con la formazione nocerina degli Ape Escape, creata poche settimane prima dei casting proprio in funzione della trasmissione, ottenendo larghi consensi sia da parte del pubblico che da parte dei giudici.

(Fonte: http://www.guernicaband.com/index.php/bio/gruppo)

 

 

Curiosita

  • Il documentario nasce da un assemblaggio di filmati del repertorio dei filmati degruppo, che vanno dal 2009 al 2015.
  • Il documentario è stato proiettato fuori concorso per “Gli occhi sulla città” indetto dal festival Laceno d’oro.
  • Respiro di Noia fa parte di un progetto più, farà parte un Mockumentary/Web Series di nome Icaro che uscirà prossimamente.

 

 

 

Venite a visitare le macerie di quello che era un’ eccellenza campana: Diagnostica Medica

Sciopero Diagnostica Medica di Torrette di Mercogliano, organizzato da Fp CGIL. I lavoratori sono da cinque mesi che non vengono pagati.

Riprese e Montaggio Maurizio Venturiero