Castellarte 2017 – Avanti Pop – I musicanti di San Crispino

 

Il gruppo è in vita dal 2000. Difficile condensare 14 anni di attività in poche parole. In origine due elementi fondatori con la voglia di suonare per le strade del paese e l’idea del nome del gruppo dal sapore antico come omaggio al santo protettore dei calzolai, coloro i quali producono le scarpe e le suole indispensabili al musico errante.

Un terzo amico si aggrega alla prima ” zingarata ” ( 2000 ) nel corso principale di Modigliana. Poi un quarto e un quinto agli appuntamenti seguenti e così via, fino alla formazione attuale; fra ottoni, legni, percussioni e chitarra un totale di 15/16 elementi.

 

I musicanti di San Crispino 2017

 

Tutti in canotta e fazzoto a quattro nodi. In repertorio sin da subito, valzerini e polke della tradizione romagnola e non.
Poi alcuni funkettoni stile New Orleans, sigle tv, brani popolari italiani e stranieri, un pó di raggae e ska, sempre un pò ispirati al suono delle bande balcaniche, per arrivare alla disco-music e la techno negli ultimi anni.

Produzione video EdonèFilms https://edonefilms.com/

Ripres: Eraldh Richards e Maurizio Venturiero

Montaggio: Maurizio Venturiero

Grafica e Animazioni: Gabriella De Crescenzo

http://www.castellarte.it

Annunci

Aspettando Castellarte 2016 – I musicisti di San Crispino (2015)

Castellarte 2016 vi aspetta il 29 – 30 – 31 luglio

I Musicanti di San Crispino sono nati spontaneamente sull’esempio dei suonatori girovaghi del secolo scorso. Sono un gruppo di musicisti di strada e prendono il nome dal santo protettore dei calzolai, perché consumano le suole delle scarpe con il loro girovagare suonando, per il piacere di chi li ascolta.

Già protagonisti di numerose e coraggiose imprese musicali in giro per l’Italia, da ormai dieci anni i Musicanti di San Crispino animano con la loro allegria matrimoni, feste paesane, mostre d’arte e serenate, offrendo uno spettacolo divertente e coinvolgente.

Il repertorio va dalla musica tradizionale romagnola alle sigle dei telefilm, passando per il sudamericano, gli anni ’60, il funky di New Orleans, la tarantella, il dixie, il reggae, lo ska, ma con un occhio sempre puntato verso i Balcani.