#FUSIONI VOLUME 1 – INTERVISTA A MUNICIPALE BALCANICA

FUSIONI
vol.1

L’Unione é forza!!!
Unione di persone, di energie, di pensieri…
Concetti e idee che si mescolano per dare vita a qualcosa di completamente nuovo. Più bello, più forte, più…colorato.

L’energia dei vari elementi combinati si FONDE in un unico nucleo, in un unico cuore pulsante multicolore che brilla con la forza di tutti. Questa è la vita che vorremmo, il mondo come lo vorremmo.

Con questa idea e con questo intento nasce “Fusioni”!!!

Diverse realtà, si mescolano e concentrano le loro energie verso un unico scopo, un unico obiettivo, in una esplosione di colori e suoni tutti diversi, per dare vita ad un’unica e grande armonia.

“Fusioni” è musica…tanta, diversa, ritmica, passionale…
“Fusioni” è colori…e quanti ne vedrete…
“Fusioni” è vita!!!
Noi ce la stiamo mettendo tutta…per tutti!

#FUSIONI VOLUME 1 – INTERVISTA BOLOGNA VIOLENTA

FUSIONI
vol.1

L’Unione é forza!!!
Unione di persone, di energie, di pensieri…
Concetti e idee che si mescolano per dare vita a qualcosa di completamente nuovo. Più bello, più forte, più…colorato.

L’energia dei vari elementi combinati si FONDE in un unico nucleo, in un unico cuore pulsante multicolore che brilla con la forza di tutti. Questa è la vita che vorremmo, il mondo come lo vorremmo.

Con questa idea e con questo intento nasce “Fusioni”!!!

Diverse realtà, si mescolano e concentrano le loro energie verso un unico scopo, un unico obiettivo, in una esplosione di colori e suoni tutti diversi, per dare vita ad un’unica e grande armonia.

“Fusioni” è musica…tanta, diversa, ritmica, passionale…
“Fusioni” è colori…e quanti ne vedrete…
“Fusioni” è vita!!!
Noi ce la stiamo mettendo tutta…per tutti!

#FUSIONI VOL.1

giorno 1

giorno 2

FUSIONI
vol.1

L’Unione é forza!!!
Unione di persone, di energie, di pensieri…
Concetti e idee che si mescolano per dare vita a qualcosa di completamente nuovo. Più bello, più forte, più…colorato.

L’energia dei vari elementi combinati si FONDE in un unico nucleo, in un unico cuore pulsante multicolore che brilla con la forza di tutti. Questa è la vita che vorremmo, il mondo come lo vorremmo.

Con questa idea e con questo intento nasce “Fusioni”!!!

Diverse realtà, si mescolano e concentrano le loro energie verso un unico scopo, un unico obiettivo, in una esplosione di colori e suoni tutti diversi, per dare vita ad un’unica e grande armonia.

“Fusioni” è musica…tanta, diversa, ritmica, passionale…
“Fusioni” è colori…e quanti ne vedrete…
“Fusioni” è vita!!!
Noi ce la stiamo mettendo tutta…per tutti!

JRC & PK // BLOCK PARTY// NTÒ LIVE SHOW

Periferica Konnection / PK-Events in collaborazione con JAM ROOM Community e col patrocinio del Comune di Fisciano presentano:

✖✖✖Periferica Block Party✖✖✖

hosted: Aserto // Terza classe
live: Ntò // Terza classe

dj set : DJ.ROGO / Covu / Kyllne / Stino

JAM ROOM ARTISTCORNER MUCKY FINGERS (WHY NOT- SPRING ILLUSION)

I Mucky Fingers nascono alla fine del 2013 ad Avellino dalle ceneri del primissimo progetto nato tra i banchi di scuola da Marco (Voce, percussioni), Alessio (Chitarra), Giuseppe (basso). Ad entrare nel progetto arriva Emilio alla batteria, e a gennaio 2014 la band comincia finalmente ad esibirsi dal vivo tra Avellino e dintorni. A settembre 2014 iniziano i lavori che porteranno il gruppo a scrivere una decina di brani inediti in lingua Inglese, nel frattempo l’attività live continua e Mattia sostituisce Alessio alla chitarra. Nel 2016 la band si arricchisce di un synth per arricchire il sound delle loro canzoni e arrivano i primi live fuori casa a Caserta, Napoli e in provincia di Salerno e Avellino. Ad Aprile 2016 esce su youtube un video in presa diretta registrato da Enrico Coppola dove si possono ascoltare due brani inediti della band (why not – Spring Illusion e Andy). Attualmente i Mucky Fingers oltre a continuare l’attività dal vivo stanno lavorando a quello che sarà il primo ep che molto probabilmente vedrà luce (si spera) nel 2017.

JAM ROOM WALLCORNER AMEDEO PORFITO

Amedeo Porfito nato ad Avellino, si trasferisce a Milano nel 2006.
Qui, conclusi gli studi in economia, decide di conseguire il Master di reportage presso l’accademia di fotografia Jonh Kaverdash.
Inizia il percorso fotografico viaggiando in più paesi del Sud Est Asiatico, dove tuttora porta avanti progetti fotografici personali, trattando tematiche sociali e ambientali.
Collabora nel 2012 con Project For People Onlus, realizzando un corso di fotografia rivolto ai giovani della favela Valeria, nella provincia di Salvador De Bahia.
Oltre a vari reportage in Birmania, Malesia, Thailandia, Brasile, ha realizzato importanti lavori su territorio europeo, come un reportage nelle cittadine di Dakau, Mauthausen e Osviecim (Aushwitz), esposto all’archivio storico di Palermo in occasione della Giornata della Memoria nel 2014.
Attualmente lavora ad un progetto nel Kurdistan Iracheno, collaborando con diverse ONG.

JAM ROOM ARTISTCORNER LA JEUNESSE DORÉE (ASTROLOGIE)

Il progetto “La Jeunesse Dorée” nasce nell’inverno del 2012. Antonio La Sala (voce e chitarra acustica), Vincenzo Di Lorenzo (chitarra elettrica e programmazioni) e Luca Di Leo (basso elettrico), amici di liceo, incidono, per volere del regista Federico Di Cicilia, parte della colonna sonora del film “L’ultimo goal”, pellicola finalista al Giffoni Film Festival. Il primo album, “Saremo Santi, Un Giorno”, viene prodotto da un’etichetta fiorentina, “Red Cat Records”, e distribuito nei negozi e digital store da “Audioglobe”. Il prossimo settembre vedrà la luce il secondo lavoro della band.

JAM ROOM ARTISTCORNER PURPLE BUDDHA CASH (LIFE’S NOT TOO SHORT)

I Purple Buddha Cash nascono nel settembre del 2014 a Portici dalla necessità dei 2Beans, duo composto da Franz Veneruso (voce, chitarra ritmica) e Niccolò Mastrangelo (voce, chitarra, tastiera), di lavorare con una formazione completa per la registrazione e la riproposizione dal vivo del materiale per il loro disco di debutto, con alle spalle la produzione di Fabrizio Alessandrini.
Ad entrare nel progetto saranno tre loro amici, Saverio Lacerenza (chitarra) e Gianluigi Sodano (batteria) prima, e Cristiano Bellisario (chitarra) di lì a breve, mentre Nick si sposterà al basso e Franz alla voce solista. Con questa formazione definitiva i Purple Buddha Cash terminano “Pop Filtred”, profondamente ridefinito da nuovi arrangiamenti e dall’inserimento di nuove canzoni composte con la formazione completa. L’album la luce il 22 Novembre del 2015, anticipato da un’intensa attività dal vivo che ha permesso ai ragazzi di calcare palchi di grande livello come quello del Duel Beat e del Palapartenope, e da due singoli (‘’Pop Filtred’’ e ‘‘She’s Cherry’’) rilasciati su tutti i digital stores nei mesi precedenti. Attualmente la band è impegnata nell’attività promozionale dell’album, coadiuvata anche dall’uscita del video ufficiale di “The Last Point”, terzo singolo estratto da “Pop Filtred”.

JAM ROOM WALLCORNER UMBERTO FREDA

l #WallCorner è uno “zoom” sugli artisti con la voglia di emozionare ed emozionarsi, è finalizzato a creare un circuito che permetterà la diffusione di produzioni di arti visive inedite.
E’ un angolo dedicato a fotografi, pittori, scultori o qualsiasi artista che abbia a disposizione creazioni proprie esponibili a muro
Uno spazio libero della durata di 4 settimane in cui sarà possibile presentare il proprio progetto o forma d’arte visiva qualsiasi al pubblico della #JamRoom
Il #WallCorner è totalmente gratuito ed è un’iniziativa della #JamRoomCommunity per promuovere e divulgare qualsiasi produzione artistica.

3_WallCorner (Umberto Freda)◣

JAM ROOM ARTISTCORNER PROFUGY (NUN DA’ RETTA)

Agosto 2010. Notte, spiaggia, fuoco acceso, amici ubriaconi bisognosi di smaltire le innumerevoli birre bevute, baci occasionali di amori estivi, chitarre, percussioni.
Da lì nascono i Profugy, un po’ per gioco, un po’ per bisogno di dare voce a tutte le fantasie nascoste, di raccontarle, di mettersi a nudo.
Il tutto partì con la convinzione di divertirsi, trattare argomenti seri, a tratti drammatici ma rivestirli di un ironia beffarda, provocatoria, quasi irriverente. Cosi si raccontava dei viaggi, di quel che succedeva, delle persone che si incontravano , quel che ci colpiva delle loro vite e dei loro pensieri.
Ci trovavamo, cosi, a scoprire ogni volta nuovi mondi, nuove ideologie, senza nemmeno sapere come avevamo in mano storie di tutti i generi , di persone passate inosservate dalla società, dell’indifferenza, dei pregiudizi, delle diversità, di corruzione, di pensieri bizzarri,dei vizi, di convenzioni, insomma di un mondo visto da un’altra prospettiva.
Ci piaceva accostare questa prospettiva agli occhi di un profugo, che ormai non ha più nulla da perdere se non quello che ha già perso, che non cerca una posizione nella società, ma cerca disperatamente se stesso in mezzo ad una civiltà ormai attaccata a futili convinzioni, che giudica ciò che vede per quel che è, senza vincoli, né distrazioni sociali.
Oggi succede che siamo drogati di nuove esperienze,di guardare le cose con occhi ingenui per trarne un insegnamento di vita.
Settembre 2015 la canzone “Questo è il tuo paese”, viene selezionata per “Musica contro le mafie”,per il suo testo scottante, arrivando in finale.
Nel Gennaio 2015 il progetto prende definitivamente vita accompagnato da numerosi live, in Campania e non solo, trasmissioni radiofoniche e televisive,e festival.
Il 9 Ottobre 2015 l’esordio discografico con l’EP “La nostra comunità”, anticipato dall’omonimo singolo con videoclip ufficiale girato con la compagnia teatrale “Loro di Napoli”, regia di Fabio Cacciapuoti. Il 26 Gennaio 2016 esce il secondo videoclip ufficiale “Nun da’ retta”, secondo estratto dall’Ep, sempre con la regia di Fabio Cacciapuoti.
In sostanza L’EP critica la mancanza di individualità in una società che ci impedisce di essere realmente noi stessi e di fare le scelte che davvero vorremmo fare. Non a caso la frase simbolo è diventata “Verimme sule chell che ce vonno fa’ verè”, vediamo solo quel che vogliono farci vedere.
Il progetto ha tutte le intenzioni di smontare le false verità e le rigide convenzioni della società e di portare una ventata di provocante libertà in mondo stritolato dai pregiudizi. La proposta musicale si compone nello specifico di un genere pop-folk, con ampi rimandi ai ritmi reggae-ska, ma sempre di matrice acustica.
Con stile ironico, sarcastico e provocatorio, le canzoni presentate , non solo quelle dell’EP,ma anche quelle suonate ai live, si offrono come dei menestrelli o dei cantastorie fantastici, con la non trascurabile differenza che anziché decantare le gesta dei potenti, li ridicolizzano e li sfidano. Per gettare luce invece sulle persone inutili ed inosservate.
Il progetto nasce per opera di Massimiliano Lauritano.
Oggi i Profugy sono :
Massimiliano Lauritano // voce-chitarra-ukulele-kazooFrancesco Pandico // batteria-percussioniFrancesco Petrone // chitarra-banjo Luca Buonaiuto // basso acustico

JAM ROOM WALLCORNER CAPODOGLIO

Davide Pellino
21/07/1986 Avellino (IT) Davide Pellino si avvicina al campo delle arti grafiche nel 2010, occupandosi inizialmente di illustrazione digitale come grafico freelance. Negli anni avvenire si interessa anche della produzione di contenuti multimediali quali video musicali e cortometraggi, fino a decidere di fondare l’Exit Studio nel 2015 che, composto da 4 persone, si occupa della produzione di corti animati e progetti vari nell’ambiti della grafica 3D.

Riprese e Montaggio Maurizio Venturiero

JAM ROOM ARTIST CORNER HYRPINIA CONNECTION/RALF D & MISTA DEK (HYRPINIA)

Hyrpinia Connection nasce dalla fusione di un Mc e di un Selecta irpini che ispirandosi ai sound system vecchia scuola sognano di riportarli ai loro fasti.
Raf d Selecta & Mista Dek iniziano il progetto nell’agosto 2013 in occasione della manifestazione Elementi ad Avellino e da allora continuano a portare la loro musica in giro. Le loro session sono caratterizzate dall’alternarsi di selezioni musicali roots/dj style/ruba a dub/ reggae/ ragamuffin a version cantate, spesso anche improvvisate dalla cui sperimentazione sono nate nuove produzioni: Catene ed Hyrpinia interpretate da Mista Dek. In questi anni oltre ad esibirsi in numerose dancehall in Campania, attraverso la promozione e l’organizzazione di eventi di Raf D, Hyrpinia Connection ha ospitato molti singer e sound tra i quali Mc Baco, Addubbagò, Marcello Coleman, Mr Dill Lion Warrior, Lu Plata e partecipato a vari festival quali Reggati a Mercogliano, Pasquetta Reggae, Aeclanum Beer Festival,Volkscamp all’Ariano Folk, Pasquetta in love, Rockers Calore e alla organizzazione della prima edizione del Hyrpinia Reggae Greenfest tenutasi il 26/27/28 giugno 2015 a Montefalcione (Av). One love!!!

JAM ROOM WALLCORNER MEL_STORIA DI UNO STATO DI NECESSITÀ

Il #WallCorner è uno “zoom” sugli artisti con la voglia di emozionare ed emozionarsi, è finalizzato a creare un circuito che permetterà la diffusione di produzioni di arti visive inedite.
E’ un angolo dedicato a fotografi, pittori, scultori o qualsiasi artista che abbia a disposizione creazioni proprie esponibili a muro
Uno spazio libero della durata di 4 settimane in cui sarà possibile presentare il proprio progetto o forma d’arte visiva qualsiasi al pubblico della #JamRoom
Il #WallCorner è totalmente gratuito ed è un’iniziativa della #JamRoomCommunity per promuovere e divulgare qualsiasi produzione artistica.

1_WallCorner (Mel_Storia di uno stato di necessità)◣

☞ Come piante nel terreno impariamo ad assorbire le nostre necessità.
Iniziammo a succhiare latte dai seni con istintivo desiderio, bramandolo come siero di vita e bontà.
Imparammo a legare , cucire e distruggere rapporti umani con estrema pazienza nel decadimento dei valori che ingenui si aggrappano a fantasie multimediali.
Ci confondemmo tra attaccamento e paura
parlando di vita, della migliore possibile.. Vita.
Euforie ormonali radicate nelle profondità della coscienza si trascinano nel tangibile,
le respingiamo fino a che un accendino fa esplodere le certezze.
Iniziammo a bruciare come streghe innocenti
accettammo di innamorarci come api sui fiori , come cani in calore…
Solo per un po’ di magia.
-Mel-

JAM ROOM ARTISTCORNER REVÀSH (FLOP)

Revàsh, gruppo musicale composto da Andrea D’Argenio (Kyllne, produttore del gruppo), Diego Falanga (Peste Mc) e Fabio Salvador (Nuno) voci del gruppo, nasce nel 2015. I componenti del gruppo, derivanti ognuno da forti esperienze personali, si incontrano e stringono i rapporti fra loro a seguito della partecipazione comune agli eventi settimanali del “Fat Groove”, tenutisi ad Avellino nel 2012/2013. In quell’occasione di confronto musicale, i tre elementi partoriscono l’idea di fondere i propri stili in un unico live, che perfezionato nel tempo, ha portato alla maturazione di quello che è oggi il progetto Revàsh.
Il Roots Reggae di Nuno, il Rap e la cultura Hip Hop di Peste Mc e l’elettronica di Kyllne formano un ibrido musicale innovativo ed originale, carico della voglia di rivalsa che caratterizza il territorio del Sud Italia.
Letteralmente Revàsh (dai bassi) porta con sé, uno spiccato senso di appartenenza al luogo di nascita degli elementi che compongo il progetto, in un ottica di scelta musicale, questo, abbraccia tutto il genere Bass Music, senza troppo soffermarsi a standard e clichè imposti dai sottogeneri dello stesso (Dub Hop – Dubstep – Trap – Glitch Hop – Hip Hop). Le liriche ed il Rap in lingua Inglese si fondono alla perfezione con l’Italiano, il dialetto Napoletano ed il Patois (lingua creola Giamaicana)
Il primo progetto ufficiale prende il nome di E_press, un EP di 4 tracce online dal 8 Gennaio 2016 per l’etichetta “4Fasi” reperibile sul canale youtube del gruppo e sui maggiori siti e portali nazionali.

JAM ROOM ARTISTCORNER LA PREGHIERA DI JONAH LE CITTÀ INVISIBILI

#25_ArtistCorner (LaPreghieraDiJonah_Cantautorato/Rock)
☞ La preghiera di Jonah” è il progetto del cantautore Antonio Venditti, che nel gennaio 2016 decide di partire con un nuovo progetto elettrico, ad accompagnarlo in questo viaggio, Alfonso Palumbo al basso, Daniel De Santis alla chitarra ed Emanuele Pellegrino alla Batteria.
Sonorità rock, melodie graffianti, si fondono a testi introspettivi, ironici e riflessivi, dando vita a un modo diverso di fare cantautorato.

JAM ROOM ARTISTCORNER T. RABBIA FEAT ANDREA KYLLNE (FREEWAY)

T.RABBIA
Pasquale Matarazzo all’anagrafe, nasce a Solofra nel ’94. Cresciuto a pane e musica ad Avellino, nel laboratorio del padre, tecnico elettronico che ha girato il mondo per rappresentare l’Italia, alla tenera età di 7 anni si trova ad ascoltare Eminem per la prima volta, pur non capendo praticamente nulla dei testi di Slim Shady, col tempo approfondirà scoprendo prima Nas, e poi i Mobb Deep; e fu subito amore.
Solo più tardi scoprirà il rap Italiano con l’ascolto di Tormento, e col primo album di rap Italiano che ascolta: Turbe Giovanili.
All’età di 10 anni scrive già, e si diletta di tanto in tanto col freestyle, sarà solo questione di tempo prima di cominciare ad essere presente alle serate hip hop, proprio in questo periodo nasce l’amicizia con Masterman e Mr Groove. Nel 2010 i tre formeranno Anime Da Strada, che lascerà il prossimo anno anno. Durante questo periodo si renderà protagonista di molte battle arrivando quasi sempre tra i primi 4 e spesso alla vittoria, come il ‘Dirty Vibes’ organizzato da Extra Skarraphone e la tappa calabrese di Tecniche Perfette guadagnandosi il diritto di partecipare alle nazionali a soli 17 anni, sono solo 5 i precedenti Italiani. Nel 2012 nasce ‘Signori Paranoia’ che vede Pasquale affiancato a Giammarco ‘ArkMan’ i due sono sempre stati grandi amici anche se divisi da una rivalità artistica. Ad Agosto esce ‘Victory Road EP’ progetto di sei tracce scritto,registrato e mixato in sole 2 settimane. Quello stesso mese vince dinuovo la regionale del Tecniche Perfette calabrese, guadagnando a 18 anni il diritto di andare alle nazionali per la seconda volta. Solo 2 precedenti nazionali nella manifestazione.
Dal 2012 in poi comincia ad affermare il suo personaggio nelle battle di tutt’Italia, soprattutto nella sua regione in campania, vincendo fino al 2014 almeno una 40ina di battles. Nel 2015 viene chiamato da Valerio Nazo nella traccia ‘Freestyle Anthem’ facente parte del mixtape It’s Classic Mixtape vol. 2, mixtape che riunisce il 90% dei migliori rapper in campania. Quello stesso anno insieme ad Ark da il via al progetto video #PreParanoia sulla pagina facebook dei Signori Paranoia; il progetto arriva dopo un bel po’ di tempo dalle ultime uscite e trova riscontro fin da subito, molto più in giro per l’Italia che ad Avellino. Attualmente è al lavoro per il completamento del progetto ‘PreParanoia’ e al suo progetto da singolo, oltre alla presenza in tutte la battle campane e non più importanti.
Durante la sua “”carriera”” ha condiviso il palco con: Peste MC, Kyllne, Rocco Hunt, Nazo, Clementino, Masterman, Tormento, Paura, R.A. The Rugged Man, Funky Pushertz, Dope One, Kento, Ghemon, Eko121, Addubagò, Moda Loda Broda.

JAM ROOM ARTISTCORNER PLUMP (IN CELLA O IN LIBERTÀ)

PLUMP
“Il sottoscritto (Francesco: chitarra-seconda voce) e il fedele compagno di avventure Stefano detto Castelluccio (basso e, ahimè, voce), dopo esserci resi conto di non poter sfondare come tronisti a Uomini&Donne causa ciccia e peluria dorsale, tentammo con la musica…
All’inizio fu difficile trovare i componenti adatti per le solite situazioni all’interno di una band che diventano scomode dopo un po’: il batterista preferisce un genere più duro, non si trova un posto dove provare senza che ti minaccino di morte, non si può andare a creare canzoni dal secondo chitarrista perché finisce subito la coca-cola e qualcuno ci prova con la sorella… Ma nel gennaio 2007, dopo diversi cambi di formazione, si unirono Andrea detto Millefiori alla batteria e il giovane di buone speranze Dario come seconda chitarra.
Avellino, come del resto un po’ tutta la Campania, non ci ha mai dato una grande mano per quanto riguarda la nostra crescita musicale come band e anche se il nostro genere non era il più seguito in quel periodo non abbiamo mai smesso di creare canzoni ispirandoci alle band che più amiamo ascoltare: The Ataris, New Found Glory, Starting Line…
La scelta (quasi azzardata tenendo conto dell’andazzo nazionale) di cantare in italiano è stata presa per 2 motivi principali: il primo è che far fuori Stefano solo perché non è capace di cantare in inglese non era giusto, anche perché è un tipo molto sensibile e avrebbe potuto risentirne nell’erezione… il secondo motivo riguarda l’impatto con chi ci viene ad ascoltare ai live o comunque segue la nostra musica: è vero che cantare in inglese fa più figo ed evitano di paragonarti ai Finley però il nostro primo ed unico obiettivo è quello di essere un INNO per chi ci ascolta e, cantare in italiano, ci rende più semplice la strada che porta dall’ascolto al sentire veramente una canzone come parte di sé…
Ultimamente abbiamo registrato 2 pezzi a Roma con il provvidenziale aiuto di Francesco Megha (Autoreverse) e per questa estate 2009 ne stiamo creando altri e rivisitando alcuni del nostro attuale repertorio in modo da auotoprodurci un album…

Beh! Che dire…buon ascolto, scriveteci (vi saremo grati se non userete paroloni) e… NON L’HAI MESSO DENTRO FINCHÉ NON L’HAI MESSO DENTRO!”

JAM ROOM ARTISTCORNER CRIS GECO (LA TRIBÙ DEGLI ARLECCHINI)

CRis Geco, al secolo Cristian Russomanno, avellinese classe ’91, si avvicina alla musica a 6 anni spinto dal padre, di professione libraio che gli fa ascoltare “Dolcenera” di Fabrizio De Andrè ed, in un secondo momento, i Dire Straits.
Ne rimane rapito ma, nonostante abbia scelto il rap come personale genere di comunicazione, l’amore per il cantautore genovese e la band britannica rimarrà intatto nel tempo e fonte d’ispirazione negli anni a seguire.
Iniziato alla cultura-hip hop da “La vita non è un film” degli Articolo 31 , saranno importanti per la sua formazione artistica anche gli ascolti di “Maestri” dell’old-school statunitense quali Eminem, 2 Pac, Notorious Big , Lauryn Hill o del più recente genere rap mainstream italico come Fabri Fibra, Neffa, Caparezza e Clementino.

Cris è un grande sportivo. Amante del pugilato (è stato boxeur dilettante per un anno) ma soprattutto ama il viaggio e proprio la volontà di contaminazione lo ha spinto, dopo aver conseguito il diploma in animatore turistico e tecnico dei servizi sociali, ad andare a vivere nel Regno Unito.
Trascorre così 7 mesi a Cambridge, durante i quali passa da “lavapiatti” a Dj, tornando in Italia a seguito della chiamata della Samarcanda.
I giorni passano veloci, così come scorrono rapide le rime e Cris, spinto dalla sua crescente fanbase, decide di trasformare gli appunti di svariati anni (progetto iniziato nel finire del 2010) nella demo “A’ Voce Ribelle”, un ep autoprodotto datato 2013.
La demo gli permette di farsi conoscere nella scena rap avellinese, trascinata dal singolo “Chello ca veco” un vero e proprio successo locale.
L’Ep è seguito dalla demo “Musicapariammo” , demo che trascina prepotentemente CRis Geco nella scena avellinese, registrata con il collettivo avellinese Slam Family ed in free download.
Nel 2014 firma il suo primo contratto discografico con l’etichetta indipendente napoletana Suono Libero Music con la quale, sotto la produzione artistica di Nando Misuraca, lavora al primo album ufficiale da solista in uscita entro il 2015 – 2016 ed anticipato dal singolo “La tribù degli arlecchini”.

JAM ROOM ARTIST CORNER EMIAN PAGANFOLK (ECHU EO AR MARE)

Dalla Cultura dell’area Celtica a quella del Nord Europa, passando per Ballate Medievali e Canti Sciamanici: la musica degli EMIAN PaganFolk è una sintesi tra linguaggi folk nordeuropei e mediterranei, un’ammaliante canto che rapisce lo spettatore, accompagnandolo su cime innevate, in boschi incantati e lungo fiordi scandinavi, per ritrovare infine, nell’io più profondo, un sentore arcaico e selvaggio che l’uomo ormai ha perso da tempo, il tutto in perfetta sintonia con il Cosmo e con l’Umanità tutta.

Emian PaganFolk è una giovane formazione nata il 21 Dicembre 2011 (Yule, solstizio d’inverno). La loro musica esprime un’adesione a scelte di vita ancestrali, lontane dalla frenesia contemporanea e vicine a valori antichi e naturalistici.
La band in pochi anni ha collezionato una gran mole di concerti ottenendo anche due importanti riconoscimenti: nel 2013 vincono il premio “miglior artista accreditato” della XXVI edizione del Ferrara Buskers Festival; nel 2015 vincono la I edizione dell’ “European Celtic Contest”, tenutosi durante il European Celtic Contest. Nell’ Aprile 2014 pubblicano il loro primo album intitolato “AcquaTerra”e filmano due videoclip ufficiali: “Mother’s Breath” e “The Last King’s March”, visibili entrambi sul loro canale YouTube. Nell’estate 2015 suonano all’ XI edizione del più grande evento fantasy italiano, la Festa dell’Unicorno e in settembre intraprendono un tour europeo che li porterà a suonare al festival Celtic Night Geluwe, in Belgio.
Nello stesso periodo i due membri fondatori, Anna ed Emain, firmano la colonna
sonora per il film “Francesco esempio di vita”, del regista RAI Giuseppe Falagario. Nell’ autunno 2015 la band firma per
l’etichetta discografica indipendente “I Make Records” e inizia le registrazioni del
secondo disco che verrà presentato nella primavera 2016.

Salva

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...