Jam Room ArtistCorner Plump (In cella o in libertà)

PLUMP
“Il sottoscritto (Francesco: chitarra-seconda voce) e il fedele compagno di avventure Stefano detto Castelluccio (basso e, ahimè, voce), dopo esserci resi conto di non poter sfondare come tronisti a Uomini&Donne causa ciccia e peluria dorsale, tentammo con la musica…
All’inizio fu difficile trovare i componenti adatti per le solite situazioni all’interno di una band che diventano scomode dopo un po’: il batterista preferisce un genere più duro, non si trova un posto dove provare senza che ti minaccino di morte, non si può andare a creare canzoni dal secondo chitarrista perché finisce subito la coca-cola e qualcuno ci prova con la sorella… Ma nel gennaio 2007, dopo diversi cambi di formazione, si unirono Andrea detto Millefiori alla batteria e il giovane di buone speranze Dario come seconda chitarra.
Avellino, come del resto un po’ tutta la Campania, non ci ha mai dato una grande mano per quanto riguarda la nostra crescita musicale come band e anche se il nostro genere non era il più seguito in quel periodo non abbiamo mai smesso di creare canzoni ispirandoci alle band che più amiamo ascoltare: The Ataris, New Found Glory, Starting Line…
La scelta (quasi azzardata tenendo conto dell’andazzo nazionale) di cantare in italiano è stata presa per 2 motivi principali: il primo è che far fuori Stefano solo perché non è capace di cantare in inglese non era giusto, anche perché è un tipo molto sensibile e avrebbe potuto risentirne nell’erezione… il secondo motivo riguarda l’impatto con chi ci viene ad ascoltare ai live o comunque segue la nostra musica: è vero che cantare in inglese fa più figo ed evitano di paragonarti ai Finley però il nostro primo ed unico obiettivo è quello di essere un INNO per chi ci ascolta e, cantare in italiano, ci rende più semplice la strada che porta dall’ascolto al sentire veramente una canzone come parte di sé…
Ultimamente abbiamo registrato 2 pezzi a Roma con il provvidenziale aiuto di Francesco Megha (Autoreverse) e per questa estate 2009 ne stiamo creando altri e rivisitando alcuni del nostro attuale repertorio in modo da auotoprodurci un album…

Beh! Che dire…buon ascolto, scriveteci (vi saremo grati se non userete paroloni) e… NON L’HAI MESSO DENTRO FINCHÉ NON L’HAI MESSO DENTRO!”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...